L’incontinenza urinaria

Questa è una situazione che può imbarazzare e condizionare la qualità della vita della donna.

Può esordire anche dopo un parto ed anche in età giovanile, ma in menopausa è molto più frequente. La visita dello specialista può individuare il problema e, valutato il grado di incontinenza, fornire terapie adeguate. Nelle forme di grado elevato sarà attuata una terapia chirurgica, in particolare nelle situazioni di prolasso utero-vaginale o di prolasso vescicale o rettale.

Nei casi in cui la paziente non potesse sostenere l’intervento chirurgico, la soluzione è utilizzare il pessario, cioè un anello di lattice o silicone di varie misure che viene inserito in vagina dal ginecologo e mantenuto per qualche mese, per poi essere sostituito di volta in volta per evitare infezioni.

Per maggiori informazioni o per prenotare la prima visita  ginecologica CONTATTA IL DR. CARUGI